Cave di Arzo | Cave di Arzo
Cave di Arzo. Patrimonio geologico e naturalistico. Progetto di riqualifica e valorizzazione.
Cave di Arzo, Mendrisiotto, Monte San Giorgio
15257
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15257,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Dopo il bando di concorso aperto dal Patriziato di Arzo nel mese di marzo 2017. Ora è ufficiale. L’attività di estrazione del prezioso e noto marmo Macchiavecchia di Arzo riprenderà dopo ben 8 anni....

CERIMONIA D’APERTURA CAVE DI ARZO Domenica 17 settembre 2017 Nel corso dei prossimi mesi seguirà il programma, ma sin d’ora rivolgiamo con piacere l’invito a tutti, per festeggiare il risultato dei lavori e scoprire il futuro risveglio delle Cave di Arzo. Grazie...

Cultura

Antico laboratorio

Per il laboratorio si è progettato il recupero dello stabile, costruito in blocchi, e il recupero dei macchinari per la lavorazione della pietra. In modo da poter allestire un percorso didattico ed espositivo che segua le fasi di lavorazione della pietra.

Natura

Anfiteatro naturalistico

L’antica e più grande cava è un anfiteatro naturale, ricco di valore geologico e naturalistico.  Un’atmosfera unica ed estremamente magica.

Escursioni

Sentiero didattico

Il progetto prevede la creazione di un sentiero della pietra, per scoprire il territorio delle Cave e del Poncione D’Arzo.

Il risveglio delle Cave di Arzo
termine lavori – settembre 2017

Lavori0%

CERIMONIA D’APERTURA CAVE DI ARZO

Domenica 17 settembre 2017

Nel corso dei prossimi mesi seguirà il programma, ma sin d’ora rivolgiamo con piacere l’invito a tutti, per festeggiare il risultato dei lavori e scoprire il futuro risveglio delle Cave di Arzo. Grazie

Il progetto ha come concetto la riqualificazione, la ristrutturazione e la valorizzazione del territorio delle cave di Arzo.

Un progetto voluto dal Patriziato di Arzo, firmato dall’architetto Enrico Sassi, e patrocinato dall’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio.